Sei pace o dominio ? Dio! - interviene la più alta carica dei Sikh.

Sikh 35 Commenti

Carità:
urlo di solidarietà
amore per il prossimo
contrapposizione al
terrorismo fanatico
che ama rappresentarsi
con assassini in diretta
rappresentazioni atroci.
Orrore in nome di Dio
ed allora ancora più la
domanda:
Dio: sei pace o dominio?
Dall’ India una risposta chiara
di grande responsabilità ci viene
dalla più alta carica religiosa
della grande comunità Sikh.
Siamo ad Amritsar all’interno
del tempio d’Oro. Il luogo più
sacro della comunità Sikh.
Qui nel 1984 morirono massacrati
centinaia di Sikh che chiedevano
l’indipendenza della loro regione.
Ad ottobre dello stesso anno per ritorsione
Indira Gandhi fu assassinata
dalle sue guardie del corpo.
Tre sikh.
Ancora ritorsioni e stragi.
Oggi finalmente la pace.  (testo di Luca De Mata)

  • Joginder Singh Vedanti - Head Priest of Golden Temple – Amritsar - India
    “La religione Sikh crede in un solo Dio.
    Dio si prende cura di tutti, fa crescere tutti e perdona tutti.
    Egli è grande e misericordioso.
    Se molti ne dimenticano l’ esistenza e non fanno del male non osservano le leggi: Lui sarà ancora misericordioso con loro.
    La religione Sikh accetta tollera tutte le altre religioni. I sikh rispettano ogni credenza, non fanno discriminazione verso gli altri, ed anche tra di loro non ci sono differenze.
    Per noi sikh ogni religione deve vivere la sua fede la sua credenza senza intervenire sulle altre religioni, ognuno deve poter pregare secondo i suoi modi rispettando gli altri.
    Ogni persona deve accettare gli altri.
    Questi sono gli insegnamenti del nostro Guru che ci ha trasmesso: rispettare ed accettare gli altri.
    Tutti si devono ricordare che ogni uno deve praticare la propria fede, la propria religione per poter vivere in pace senza intromettersi nella fede degli altri.
    Ognuno pratichi e preghi con i propri riti, con le proprie credenze.
    E’ cosi che potremo vivere tutti insieme in pace e volendoci bene senza pensare male…di nessuno.
    Noi anche dobbiamo pregare e auguraci lo sviluppo degli altri paesi.
    Questa è la mia preghiera, è mio desiderio: vivere in pace e riconoscere gli altri come fratelli senza nessuna discriminazione e nessuna disuguaglianza.”

(Joginder Singh Vedanti)

Dalla stessa Amritsar
delle stragi del 1984
all’appello di oggi
della più alta autorità dei Sikh
perché tutti possano vivere come fratelli
senza discriminazioni e disuguaglianze!
Questa è l’India!